Dry Cleaning – Sweet Princess/Boundary Road Snacks and Drinks

178224

Francesco Blasilli per TRISTE©

Ascoltare i due Ep dei Dry Cleaning (recentemente raccolti in un unico vinile) al mattino della domenica, dopo una notte un po’ troppo lunga, ha l’effetto di confonderti le idee.

L’esordiente band londinese, presentata come “post punk” e “new wave”, a tratti ti suona come “brit pop”. Lo so, sembra una bestemmia, o più semplicemente sembra la conferma di una notte durata effettivamente troppo a lungo.

Ma in fondo vogliamo ancora passare il tempo a classificare la musica in generi e sottogeneri?
Certo che il quartetto londinese è prettamente post punk, e anche new wave, ma in fondo cosa ce ne frega?
E’ bella musica, in parte tagliente, in parte dolce, tutta modulata sulla voce spesso sussurrata di Florence Shaw.

Il primo Ep, “Sweet Princess” si apre con l’incalzante ritmica di “Goodnight”, che rievoca in modo sospetto “The party is over” degli An Emotional Fish  (vabbè, volevo fare il fico, ma più semplicemente “Gli spari sopra” di Vasco Rossi), ma che funziona eccome.
Come gira alla grande (perché sembra effettivamente una vespa che gira vorticosamente intorno alla tua testa), “Magic of Meghan”, curiosamente dedicata alla Duchessa del Sussex.

Il riff di Tradional Fish è ricorda (non troppo vagamente) quello di “Shine on you crazy diamond” dei Pink Floyd, ma la musica accompagna splendidamente la recita teatrale della Shaw.
L’ep si chiude con “Conversation”, una marcia dove, se chiudi gli occhi, vedi le majorettes sfilare.

“Boundary Road Snacks and Drinks, il secondo ep, parte con un Dog Proposal che con una cantante meno introverso, avrebbe spopolato ai tempi del britpop.
Stesso discorso per “Viking Hair”, anche se giunti al secondo Ep il tono monocorde della cantante rischia di stancare.
Fortuna che con l’atto conclusivo, “Sit Down Meal”, il livello sale di nuovo.

Nel complesso, niente di nuovo sotto il cielo plumbeo di Albione. E non è affatto detto che sia un male. Anzi.

 

Un pensiero su “Dry Cleaning – Sweet Princess/Boundary Road Snacks and Drinks

  1. Pingback: Francesco Amoroso racconta il (suo) 2019 | Indie Sunset in Rome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...