Moonchild – Little Ghost

Moonchild

Carlotta Corsi per TRISTE©

Gli amici me lo hanno sempre detto: ho troppa fretta. E hanno ragione: nella vita, spesso, agisco d’istinto lasciando le conseguenze in coda. Crescendo, però, arrivi a un punto di snodo in cui capisci che è ora di cambiare e, forse, ragionare qualche secondo di più sulle situazioni porta comunque alla realizzazione delle stesse, ma nel momento e modo giusto.

Ecco, io non ho mai saputo che vuol dire sta roba, quindi ora giuro mi do una mossa perché sarei impaziente di scoprirlo!

Continua a leggere

Annunci

Studio Electrophonique – Buxton Palace Hotel

buxton-palace-hotel-3000

Francesco Amoroso per TRISTE©

“I Have Nothing To Say, And I Am Saying It.”
(John Cage)

Mi capita sempre più spesso, mentre ascolto una canzone o un disco che mi colpisce, che mi appassiona, che mi commuove, di rendermi conto di non avere nulla da dire.
Anzi, più la musica mi coinvolge, più un brano provoca in me sensazioni forti, meno riesco a trovare le parole per esprimere tali sentimenti. E, considerato che mi piacerebbe tanto rendere partecipi quante più persone possibili delle mie passioni musicali, la sensazione è davvero frustrante.

Tuttavia continuo imperterrito a scrivere di musica perché, come dice una divertente vignetta che gira in internet, se non hai nulla da dire dovresti scrivere (su) un blog.

Continua a leggere

Hugar – Varða

 

Peppe Trotta per TRISTE©

Esistono luoghi che si riescono a sentire propri pur non avendoli mai visitati. Territori di cui si è letto, si è visto e ascoltato talmente tanto da sentirne vivida la percezione,  da possederne un’immagine apparentemente chiara e che si rivelerà puntualmente non corrispondente al dato reale, se mai con esso ci si troverà a confronto. Continua a leggere

Marissa Nadler @Monk – Roma, 19/09/2019

Emanuele Chiti per TRISTE©

Il penultimo giorno d’Estate segna anche il primo appuntamento con i concerti al coperto di impronta più “indie” (scusate il termine) della nuova stagione del Monk, locale fulcro della scena romana pronto e tirato a lucido per l’occasione.

A dare il calcio d’inizio è stata Marissa Nadler, ritornata a Roma stavolta accompagnata dal chitarrista Milky Burgess (Master Musicians Of Bukkake, Alan Bishop).

Continua a leggere

Alex Cameron – Miami Memory

cover Alex Cameron - Miami Memory

Carlotta Corsi per TRISTE©

Facciamo che stai camminando, tranquilla e, mentre sei intenta ad ascoltare le storielle pazze delle sciure che trovi per strada, giri l’angolo e d’improvviso il cielo s’illumina: una palla infuocata che attraversa il buio totale della volta. Vi giuro:  è una cosa che si nota. E fa paura.

Posso onestamente dire che il primo secondo è stato caratterizzato dal terrore, con flashback di momenti significativi della mia vita, come in un film di Aronofsky – bello saturo di emozioni, via.
Subito dopo quell’istante, che comunque è durato davvero poco, ho capito che era semplicemente una “stella cadente”, un po’ più grossa, un poco più vicina forse e più incazzata del solito. Continua a leggere

Modern Nature – How To Live

Francesco Blasilli per TRISTE©

Non c’è parola più semplice e appropriata per definire How To Live, lavoro d’esordio dei Modern Nature: AFFASCINANTE.

E non poteva essere altrimenti, considerando i componenti del progetto musicale che vede protagonisti Jack Cooper (Ultimate Painting), Will Young (Beak) e Aaron Newu (Woods), con la partecipazione di Jeff Tobias al sassofono.

Il risultato è un pop elegante e ipnotico, a tratti visionario – a tratti un po’ snob – che di certo non può piacere a tutti, soprattutto al primo ascolto. E che di certo non vuole piacere a tutti.

Continua a leggere

Whitney – Forever Turned Around

Whitney

Francesco Amoroso per TRISTE©

Alcuni album sembrano nati per fare da colonna sonora a una stagione ben precisa: ci sono quelli uggiosi e autunnali, quelli sfrenati ed estivi, quelli perfetti per scaldare le gelide notti invernali. Esistono i dischi per l’alba, per il tramonto e quelli notturni, gli album per curare le ferite e quelli per lasciarsi andare.

Eppure le uscite discografiche di tutto questo se ne fregano e seguono molto raramente una logica che non sia di natura commerciale (o dettata dalla contingenza e dalle esigenze delle case discografiche).

Continua a leggere