Field Music – Making A New World

fieldmusic

Emanuele Chiti per TRISTE©

Cari vecchi concept album, quanto ci siete mancati!

Poi se parliamo di concept album a sfondo storico quasi non sembra di essere nel 2020 ma almeno 40 anni prima.
Non parliamo dei Kinks comunque, ma dei Field Music attivi da quattordici anni e arrivati all’ottavo disco, Making A New World che guarda il mondo attraverso gli occhi della Prima Guerra Mondiale.

Non a caso il lavoro, che contiene ben 19 tracce, è nato da un progetto commissionato nel 2019 dall’Imperial War Museum.
I temi sono i più disparati: dalle scoperte scientifiche post prima guerra mondiale a fatti lontani nel tempo. Ma anche lo spettro sonoro si muove a fiancate ampissime: ispirazione (tanta a mio avviso) che attinge a piene mani dall’art rock e dal post punk (classici: Talking Heads, soprattutto XTC) a strumentali jazzati alla new wave a tinte pop che tanta fortuna ha avuto negli anni ottanta.

Sono state fatte molte critiche all’approccio disordinato dei fratelli David e Peter Brewis (approccio ADHD è stato definito), ma la varietà causa poca distrazione per l’ascoltatore in realtà, passando dalle melodie beatlesiane di Best Kept Garden alle sperimentazioni di A Common Language Pt. 1 and 2 con scioltezza.

Prima sorpresina dell’anno, bravi fratelli Brewis.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...