Hayley Williams – Petals for Armor

Petals-For-Armor-album-art-III_0

Carlotta Corsi per TRISTE©

E’ sempre più difficile trovare qualcosa di stimolante mentre le settimane passano in questa strana quotidianità in cui, in realtà, mi ritrovo ad ascoltare molta più musica del solito, a vedere film che non ho mai potuto recuperare e leggere libri consigliati, comprati e mai davvero aperti.
Bello, bellissimo ma nonostante ciò, mi sembra ancora tutto troppo strano e paradossale, perché per quanto prima trovassi difficile aver il tempo e la giusta concentrazione per una sola cosa, la curiosità e l’attrazione verso un determinato obbiettivo non è mai mancata.

Continua a leggere

RVG – Feral

rvg-feral

Francesco Amoroso per TRISTE©

E’ un cliché comunemente accettato che per parlare di argomenti scottanti, attuali o profondi attraverso la musica si devono necessariamente usare linguaggi e sonorità che prendano le distanze dal pop (con tutti i suoi suffissi e prefissi).
Eppure basterebbe guardarsi un po’ in giro per vedere che da sempre il pop è stato il veicolo ideale per affrontare qualsiasi questione o problema, per quanto spinoso o scabroso esso fosse.

Se il pop indipendente (il cosiddetto, spesso a sproposito, indiepop) è spesso stato considerato di retroguardia per ciò che riguarda l’analisi sociale e antropologica, è solo per la cattiva predisposizione dell’ascoltatore: basterà pensare a band come Housemartins e McCarthy o all’attitudine di un’etichetta come la Sarah Records per comprendere come non sempre siano necessari proclami incendiari e suoni lancinanti per dire la propria e non fare musica che sia un semplice passatempo o un inutile orpello.
Anzi, a volte, la fruibilità delle “canzonette” permette di veicolare storie e messaggi che farebbero altrimenti fatica a arrivare a un vasto pubblico.

Continua a leggere

Talitha Ferri – Get Well Soon

Get Well Soon

Francesco Amoroso per TRISTE©

Mi capita, a volte, di scoprire un nuovo album, o un(‘)artista all’esordio e di innamorarmi perdutamente, al primo ascolto. Ogni tanto arriva una voce che sembra mettere in pausa il mondo, forzandomi al silenzio.
In questi casi il mio primo impulso è sempre lo stesso: “Devo” mi dico “devo scriverne subito. Devo condividere con il maggior numero di persone possibile le mie sensazioni, la mia scoperta. Voglio che diventi un patrimonio condiviso, che le emozioni che ho provato diventino emozioni di tanti“.

Continua a leggere

Laura Marling – Songs For Our Daughter

Song For Our Daughter

Francesco Amoroso per TRISTE©

Mi rendo conto di essere totalmente sorpassato.
Quando ascolto musica ho ancora l’abitudine – oramai fuori moda (e, in un frangente di cinismo e scetticismo imperante, decisamente perdente) – di tentate di capire se l’artista o la band che l’hanno composta e registrata siano o meno sinceri, se la musica da loro prodotta, insomma, sia frutto di un’espressione artistica spontanea e della volontà di comunicare, attraverso di essa, i propri sentimenti, le proprie idee, la propria visione del mondo e delle cose.
Nel caso delle cantautrici e dei cantautori questa attitudine a cercare la genuinità, la schiettezza, la mancanza di eccessive sovrastrutture sia in fase di scrittura che di produzione, mi risulta addirittura inevitabile.

Continua a leggere

Peel Dream Magazine – Agitprop Alterna

peel dream magazine

Giulio Tomasi per TRISTE©

Premessa. Non ricordo quale fosse la testata, e se devo essere sincero non ricordo se tutto questo me lo sia semplicemente sognato, ma una volta ho letto una recensione di un Lp dove volutamente si parlava dell’opera in questione come una compilation tesa ad aggregare artisti diversi pur essendo difatti la firma un unicum. Bene consideriamo questa mia dissertazione sull’opera seconda dei Peel Dream Magazine come un omaggio a quel giornalista perso nella memoria e al mio contorto mondo onirico.

Continua a leggere