Woods – Strange To Explain

Strange To Explain

Giulia Belluso per TRISTE©

Voi: “Where do you go when you dream?”
Io: “Mmh… “Strange To Explain”.

Ecco che, finalmente, dopo tre anni di silenzio tornano in scena i WOODS con un nuovo album: undici tracce di psichedelia folkeggiante e moderna.
“Strange To Explain” è il titolo del loro nuovo lavoro, reso attualissimo dall’utilizzo di una strumentazione ricca e varia, dalle solite felici intuizioni melodiche e da ritmi rilassati e a volte bucolici.

Il disco ricorda quasi una jam session serena e disinvolta, che “inietta” in vena dell’ascoltatore la colonna sonora del prossima viaggio acido, un caleidoscopio di calde immagini estive, di falò, di onde e l’ammaliante canto delle sirene del mare all’imbrunire.

Le melodie sognanti e i ritmi netti dei Woods cantano di sogni, notti, vuoto e esperienze sconvolgenti, che sembrano avere un senso solo alle prime luci del mattino.

Attraverso la voce in falsetto e i testi di Jeremy Earl, le canzoni di Strange To Explain, quasi inconsciamente, vanno alla ricerca di risposte sulle inquietanti realtà della vita, miscelando tristezza, confusione e un confortante mistero e riescono perfettamente a trasformare gli “incubi” in musica avvincente e di “buon umore”.

Questa calda release allucinogena è certamente un ritorno raggiante e ruggente,  particolarmente adatta in un momento in cui la vita è incerta e davvero strana da spiegare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...