Perfume Genius – Set My Heart On Fire Immediately

Perfume Genius - Set My Heart On Fire Immediately

Carlotta Corsi per TRISTE©

“La vita è lunga giusto per essere bravi in una sola cosa”.

È questo che dice Rust Cohle in True Detective, uno dei miei personaggi preferiti di sempre.

Un pensiero che macino in testa da anni e che piano piano ha trovato il suo modo per consumarmi, porgendomi, ovviamente, solo i lati negativi della medaglia.
La solita Carlotta insomma. Mentre gli anni passano mi accorgo come le cose diventino sempre più reali e allo stesso più sfocate: senti tanto e di più ad ogni esperienza, come una coltellata profonda o un meraviglioso tatuaggio da ricordare in ogni dettaglio. Capita di dimenticare di aver sentito qualcosa nonostante se ne percepisca una mancanza incredibile.

“Whole Life”, la prima traccia di Set my Heart on Fire Immediately” di Mike Hadreas aka Perfume Genius è questo, con la consistenza tipica del genio di Hadreas.
Una ballad solitaria strascicata come un piccolo valzer, che affronta la mortalità fisica e artistica con grande delicatezza.

All’avvicinarsi dei suoi quaranta Mike sente il bisogno di guardare anche al proprio passato in maniera più morbida, celebrando talvolta le cose che in “No Shape”, lo hanno portato, in un’espressione della sua traboccante sfera emotiva, al centro dell’esplosione con l’attivismo LGBTQ e la consapevolezza musicale.
È un lavoro estremamente delicato accompagnato da melodie più arpeggiate che danno spazio alle liriche e alla grazia della ritrovata consapevolezza dell’artista.

“Describe” è la seconda traccia e qui il Genio di Genius torna a stuzzicarci: il video ufficiale infatti, lo ha diretto lo stesso Hadreas. Qui il pop sperimentale e barocco torna a risuonare e diventa un pezzo legato a qualcosa di importante e passato.

“Jason” è uno sguardo di tre minuti e sei secondi gettato sul giovane Perfume. Un racconto di una notte nei suoi 23 anni dal sottofondo fiabesco, ma è tutto il disco che viene infatti osservato da una dimensione diversa.
Un bond potente si scorge tra la realtà attuale di Mike come uomo, Mike come artista e Mike di quindici anni fa: il senso di protezione riscoperto con grande stupore tra i ricordi di una sera.
Con un crescendo celestiale tra gli archi presenti in tutto il concept, mentre conclude con il furto di qualche dollaro dai jeans di Jason, appunto e ancora una volta, Mike riesce a proiettare immagini potenti con estrema delicatezza.

“Without You” e “On The Floor” rimangono brani che ancora un po’ si legano a “No Shape”, mentre “Your Body Changes Everything” e “Nothing at All” sono la svolta musicale che aspettavo in questo nuovo album: chitarre dure ed effettate riecheggiano in un ritmo più nevrotico e sempre più pungente.

“Borrowed Light”, l’ultima traccia, si appropria si una tastiera souleggiante che preme sui bassi e crea il tappetto perfetto per la voce di Mike.

Gli archi e gli arpeggi rimangono, in ogni caso, ciò che davvero contraddistingue questo enorme e delicato lavoro interiore di Perfume Genius, che a ogni nuovo lavoro mi sconvolge e mi emoziona più di prima.

Sono momenti di buio e di serenità, di pace e equilibrio fra le due facce, quelli che convivono in questo disco e in generale nell’ultima produzione di Perfume Genius e sono sicura che la vita ha ancora da mostrarci tanto della sua bravura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...