Primitive Lips

Agnese Sbaffi per TRISTE©

Crediamo di intenderci;
non ci intendiamo mai.
(Pirandello)

Abbiamo tutti dentro un mondo di cose, ciascuno il suo.

Nelle mie parole c’è il senso e il valore delle cose come sono nel mio mondo, inevitabilmente diverso da chi le ascolta o le legge con il senso e il valore delle cose che sono nel suo mondo. È un mistero che non si scioglie mai se non con la voglia di trovare una prossimità, se non di senso, almeno di intenti.

E se questa voglia non c’è o non è condivisa? Basta alzare un po’ il volume della musica, chiudere tutto e cercare un momento di pausa. Una bolla sicura in cui rifugiarsi un attimo e fare ordine.

Image of truth è il nuovo singolo dei Primitive Lips uscito a inizio novembre. Qualche mese prima era uscito un EP con quattro tracce prodotto da Like Young Records.

Riempiono la mia bolla di un’energia che confonde un po’, incita e trattiene. Vorrei urlare di rabbia e abbandonarmi a un pianto liberatorio. Un breve momento di sfogo che si conclude con una pacca sulla spalla.

La chitarra chiassosa unisce il suono cupo e accattivante del post-punk con la nebulosa malinconica della new wave. Più che una bolla una caverna densa di suono e riverbero, e lassù una fessura dalla quale filtra un po’ di luce.

L’EP sono quattro piccole gemme che ammiccano a un sound di un’altra generazione, rendendolo attuale e godibile anche per chi allora ancora non aveva grande consapevolezza musicale, figuriamoci il resto.

Lush e Into Nothing sono la parte scintillante del disco, quella vitale e rigenerante. As we walk e Movement, che rispettivamente lo aprono e lo chiudono, si distinguono invece per una melodia più oscura, intima, lo sguardo si volge all’interno e si offusca un po’. Bassi profondi che pulsano, tamburi che spingono il ritmo e synth avvolgenti e glaciali. La voce alla Ian McCulloch è ampia e romantica. In questa caverna l’atmosfera è calda, sicura e familiare nonostante sia tutto molto buio e confuso. Forse è questo il focolare del nuovo millennio?

Poche parole e un po’ confuse, è che sto abbastanza bene qui e ora.

 

Annunci

Un pensiero su “Primitive Lips

  1. Pingback: Francesco Amoroso racconta il (suo) 2018 – Parte II | Indie Sunset in Rome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...