Rachel Sermanni – Gently

RachelSermanni_GentlyGiulia Belluso per TRISTE©

E’ appena giunto il crepuscolo. Dopo un’intensa giornata in piscina, tra tuffi, sole, risate e giochi con la palla, è l’ora di godere un po’ di quell’anima TRISTE© che noi della redazione amiamo tanto (anche se il primato spetta sempre alla parte romana…)

Spero che le vostre commissioni, i vostri impegni e tutte le cose frenetiche che state facendo o state per fare, possano attendere per i prossimi trenta minuti.

Perchè vi garantisco un viaggio, accattivante ma soprattutto delicato, racchiuso nel nuovissimo EP della giovane Rachel Sermanni.

Rachel è una quasi venticinquenne, proveniente dalla Carrbridge, in Scozia, ma con antiche origini Italiane. (Barga, Toscana). Si è avvicinata al mondo della musica sin dalla tenera età, ispirata da artisti come Eva Cassidy e Bob Dylan.

Gently è il nome del suo nuovissimo EP composto da quattro tracce rigorosamente rientranti nei canoni del folk acustico e registrato anche con l’aiuto di Jennifer Austin, amica della Sermanni, che ha contribuito (oltre a fornire la location di registrazione) con un soave accompagnamento di pianoforte.

Il risultato sono queste superbe tracce tramutate in un ritmo di poesia pura, gentile (non a caso il titolo dell’ EP e le prime tre tracce si chiamano Gently) limpida ed aggraziata.

Seppur così giovane, Rachel riesce a dare significato persino ad un semplice EP, composto dal fingerpicking di una chitarra acustica e sparse note di un pianoforte.

Nella mente dell’ascoltatore va, via via, formandosi, un sentimento che tramuta la vita frenetica, i problemi ed i troppi pensieri, in qualcosa di leggero, facendo sì che le preoccupazioni perdano di valore e si riducano a qualcosa di vagamente onirico (magari senza ripercussioni al risveglio).

Dopo questa impegnativa giornata, è un piacere continuare a godere dell’aria fresca di campagna, in compagnia della mia anima triste(©), distesa sulla sedia a dondolo, lasciando che la Sermanni mi liberi da tutte le mie preoccupazioni.

Voi probabilmente, se avete seguito il mio consiglio, adesso potrete tornare con più leggerezza ai vostri affanni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...