Lotte Kestner – Off White

Fiamma Giuliani per TRISTE©

Qualche tempo fa mi sono imbattuta in una parola curiosa e intraducibile, “hygge”. Mi ha colpito perché è uno di quei termini che racchiudono un concetto: in Danimarca, hygge è il creare un’atmosfera accogliente e intima, assaporando i piccoli piaceri della vita, hygge è abbandonarsi all’intimità e alle gioie minime che la vita ci offre.

Quando ho ascoltato l’ultimo lavoro di Anna- Lynne Williams/Lotte Kestner, “Off white” (appena uscito per la Saint Marie Records a quattro anni dal precedente e bellissimo “The bluebirds of happiness”), ho immediatamente associato la sua musica a questo termine.

Nelle undici canzoni, più un pezzo conclusivo strumentale, aleggia una dolcezza confortante che non sconfina mai nella melensaggine o nella ruffianeria; non ci si può non lasciarsi cullare da brani come “Eight ball”, “Senses” o “Another moon”. Non ci si può non abbandonare alla travolgente emozione che suscita non solo il singolo “Ghosts”, ma anche “Ashland” e “Have you sailed home”.

Probabilmente, chi cerca ritmi travolgenti o canzoni di facile impatto non troverà questo lavoro (così come i precedenti di questa artista) soddisfacente; tuttavia, a un ascolto più approfondito, si notano la immensa cura degli arrangiamenti perfettamente in bilico tra emotività e melodia, la fragile intensità che promana da ogni canzone, unita a una leggerezza piena di grazia evidenziata dalla voce dolce ed eterea della cantautrice.

Off white” è un elegante racconto in frammenti di una vita fatta, come sempre accade, di gioie e dolori, di intimità, pudori e svelamenti, di sfumature da cogliere pian piano, senza la fretta che oggi sembra essere diventata la regola; è un insieme di canzoni da assaporare perdendosi nei suoni e nelle parole mettendo da parte per una manciata di minuti i pesi della quotidianità.

Per queste ragioni, immergendomi nell’ascolto dell’album, ho pensato a quella curiosa parola danese- perché, tra i piccoli piaceri della vita, c’è anche il lasciarsi incantare e accarezzare dalle note di un brano musicale e dalle sensazioni che ci trasmette.

Annunci

One thought on “Lotte Kestner – Off White

  1. Pingback: Francesco Amoroso racconta il (suo) 2017 | Indie Sunset in Rome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...