Wes Tirey + Love The Unicorn @ Unplugged in Monti @ Black Market (Roma) – 14/01/2014

Non so se dopo più di dieci ore di viaggio e con lo stomaco vuoto, sia stato piacevole sentirsi chiedere ripetutamente di suonare la solita canzone per tre volte seduto sui freddi scalini di una fontana. E successivamente farsi pure rubare il gelato da un cane. Ma per noi che eravamo lì, è stato davvero un momento magico.

Per la prima data del 2014 di Unplugged in Monti, direttamente dagli States arrivano Wes Tirey, la sua chitarra e la sua voce. Noi c’eravamo. Ed è stato un concerto splendido.

WesTirey_UIMI gradini e la fontana non fanno parte del nuovo arredo del Black Market ma della piazza del Rione Monti dove Wes, appena arrivato in Italia (domenica mattina), ci ha concesso un po’ di musica in favore di macchina da presa (news soon).

E’ di Martedì invece il primo live del suo mini-tour italiano che inizia proprio a Roma. Aperto dalle chitarre e dai (dal) synth dei Love The Unicorn (è dello scorso Marzo l’uscita dell’interessante EP Sports per We Were Never Being Boring), Wes Tirey sale sul palco con la sua chitarra per portarci il suo repertorio folk.

All’inizio dello scorso anno pubblica il suo primo EP, I Stood Among The Trees, 5 chicche acustiche che arrivano dritte al cuore. A breve distanza Wes rilascia un altro mini-album di 3 pezzi, False Idols, nel quale conferma quanto di buono fatto sentire con il debut.

Tutto questo, e molto di più, è quello che il musicista statunitense mostra in questo live estremamente toccante ed intenso. Il solo inizio con la splendida (mia preferita) The Times Leaves So Soon, potrebbe valere la serata.

In tutti i suoi pezzi Wes dimostra di riuscire a mescolare qualità a tutto tondo: un’ottima voce, testi mai banali e spiccate qualità da chitarrista, come dimostrato nel bello e lungo pezzo strumentale che chiude il primo “set” del live. Ma a grande richiesta sono ben 4 i “bis”, in uno dei quali suona un’altra delle sue migliori canzoni, la delicata e malinconica The Evening Tide.

Concerti di questo spessore sono sempre un piacere e un ricordo che rimangono a lungo impressi. E la conferma della qualità della proposta di Unplugged in Monti, che ancora una volta porta a Roma un artista con tutte le potenzialità per affermarsi pienamente nel prossimo futuro.

A presto Wes. Al prossimo gelato staremo tutti più attenti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...