Golden Grrrls – Golden Grrrls – 2013

Non è che ho iniziato ad avere problemi di artrite e non sono così stupido da aver sbagliato il nome due volte di fila, la band del giorno si chiama proprio Golden GRRRLS con tre R. Mi piace pensare che sia un errore di battitura un po’ come quello che fece l’avo di un ex giocatore di Milan ed Inter, Pietro Guglielmin, che finì con l’avere un cognome degno di un supercalifragilistichespiralidoso.

O forse il GRRR lo si deve all’attitudine punk che mettono nelle loro canzoni e che si evince anche dalla durata delle tracce, le quali raramente sfondano il muro dei tre minuti.

Golden Grrrls

Ecco le Golden Grrrls da Glasgow (già patria di tante band TRISTI come Glasvegas, Chvrches, Belle & Sebastian e via dicendo), col loro album omonimo uscito qualche giorno fa a regalarci un po’ di gioia e spensieratezza. Per rendere l’idea del loro sound basta dire che sono un mix di due band che ho amato e ancora amo tanto: Vivian Girls con la loro line-up tutta al femminile, i loro coretti un po’ casinari e i riff noise; e poi i Belle and Sebastian per le loro dinamiche veloci, le liriche e i contro-canti gentili.

Passiamo all’analisi delle 11 tracce: “We got…” riporta alla mente gli Allo Darlin’, con le loro ritmiche sghembe e gioise, mentre “Paul Simon” strizza un po’ gli occhi a Peace e Vampire Weekend sempre però tenendo fede ad un cantato che sembra uscito dritto dritto da “Share The Joy”. Altri pezzi come “New Pop”, “Never Said Enough” e “Think of the Ways” non fanno altro che ampliare il loro ventaglio sonoro senza però intaccare la compattezza dell’album. Una critica che si potrebbe muovere nei loro confronti è il fatto che le canzoni si somiglino un po’ tutte. Questo però è anche il motivo per cui il lavoro del trio potrebbe attirare tanti estimatori, come ad esempio noi di TRISTE© che amiamo tanto i concept album e i dischi che sembrano fatti con un’idea ben precisa in testa.

Magari la GRRR del nome non è un errore di battitura, nè tantomeno un vezzo punk, forse come i compaesani Chvrches hanno solo voluto trovare un nome che li potesse distinguere nei motori di ricerca. Se quest’ultimo punto vi fa venire nostalgia dei tempi che furono, non preoccupatevi, hanno prodotto anche il vinile! Ah-Ah

Voto 7. Un band che porta una ventata di freschezza nel catalogo TRISTE©.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...