Kevin Hume – Something That Was Taught to Me

Marica Notte per TRISTE©

Ognuno di noi ha ricevuto degli insegnamenti, pochi di noi ne ricordano bene il contenuto.  Le parole, anche le più importanti, diventano un vago ricordo con il tempo e la voce del singolo narratore si confonde con quella di altri personaggi in un vocio di cori. In un bisbiglio di storie sentite come fossero echi e richiami.

Quando mi rivedo bambina vedo la mia testa all’insù in attesa di un messaggio. Ricordo (e a volte è davvero possibile) la sensazione di capogiro che avevo nelle gambe e negli occhi; piedi ben saldi a terra, testa verso l’alto e il mondo che iniziava a muoversi e l’equilibrio che perdeva forza e stabilità.

Sarei potuta cadere molte volte ma credo che avrei comunque continuato a guardare il cielo anche se con un ginocchio sbucciato, perché volevo dare la mia voce alle nuvole e alla luna, al mistero e alla curiosità, e vedere i volti degli adulti trasformarsi in smorfie napoletane.

Credo che il “perché” sia stato e sarà uno dei miei insegnamenti più cari. E che con il tempo spero non diventi mai una risposta.

KevinHume_SomethingThatWasTaughtToMe

Continua a leggere