Alvvays + Real Estate @ Shepherd’s Bush Empire

Quando ero alle medie, mi ricordo che c’era una ragazza carina. Non era bella, ma semplicemente piaceva a tutti, al punto che riuscire a limonare con lei sarebbe stato un achievement da stamparsi in petto e mostrare con orgoglio.
Quando successe a me (di limonarla), ricordo che provai ben poco. Ero più interessato al “dopo”: dire a tutti che l’avevo fatto. Io ero innamorato di Evelyn.

Andare al concerto dei Real Estate è stato come limonare la più bella del liceo: un po’ lo fai perché apprezzi le sue qualità, ma soprattutto lo fai per dirlo agli altri. È l’opposto dell’onanismo.

IMG_3245

Lo dico anche per il fatto che io, questo concerto, l’ho trovato cercando il tour degli Alvvays, la band che ha aperto e che ha fatto un figurone. Band ancora acerba, si sente che il live va migliorato, ma piena di energia.

I Real Estate invece, si sono presentati sul palco col piglio ribelle di un bancario che si sveglia la mattina e come gesto rivoluzionario decide di mettersi l’orologio a destra. Per carità, tanti pezzi carini, Talking Backwards è un paio di classiche che hanno accolto i favori del pubblico, ma anche tanta gente che se n’è andata a metà spettacolo e persone che hanno speso più tempo a fare la fila al bar piuttosto che ad ascoltare la performance del quintetto di Ridgewood.

Quando ero alle medie ancora non conoscevo Nick Hornby, l’ho amato al liceo. Mi ricordo una volta lessi su un suo libro che durante un concerto dei Led Zeppelin, se ne andò via. Disse che erano troppo presi dall’auto compiacersi. Disse a tutti i suoi lettori di fare lo stesso: lasciare un live prima della fine, quando non si era più interessati allo spettacolo. Ieri sera ho ascoltato Nick. No regrets, Alvvays.

Annunci

5 pensieri su “Alvvays + Real Estate @ Shepherd’s Bush Empire

  1. Per niente d’accordo. Fino alla fine, la gente ha gradito! Il bassista simpaticissimo che discorreva col pubblico. Le Alwways non le conoscevo, ma di sicuro derivative

    • Guarda lo dicevano anche i latini de gustibus… Peró oggettivamente, non basta fare due battute per essere considerati carismatici. Vero che la loro attitudine schiva non li aiuta, ma verissimo che un po’ di passione e trasporto in più non guasterebbe.

  2. Pingback: TristeLondra – Top10 2014 | Indie Sunset in Rome

  3. Pingback: Ducktails + Os Mutantes @Monk Club – Roma, 4/12/2015 | Indie Sunset in Rome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...