Micah P. Hinson – …and the Nothing

Certe esperienze non possono che segnarti. Può essere una donna che ti spezza il cuore, i problemi con l’alcol e la droga o un incidente in macchina dove quasi ci rimetti la vita ed entrambe le braccia.

No, non mi sono schiantato sulla Cristoforo Colombo. E’ semplicemente arrivato un nuovo disco di Micah Paul Hinson.

MicahPHinson_AndTheNothing

Perchè Micah è sempre stato uno di quelli in grado di trasformare i momenti negativi in grande ispirazione dando vita, sin dal 2004 (Micah P. Hinson and the Gospel of Progress), ad album di grande impatto emotivo, carichi di America (folk, songwriting, Johnny Cash, strade e polvere) e cantati da una voce incredibile.

E nel 2011, tra le varie peripezie del cantautore texano, si aggiunge un incidente stradale durante il tour spagnolo dopo il quale rimane per alcuni mesi con le braccia paralizzate, sospeso nel dubbio di poter continuare a suonare. Ed è qui che Micah si ritrova di fronte al Nulla. Ed è da questa esperienza che inizia la storia del suo nuovo disco: l’album della rinascita dalle ceneri, e del ritorno a casa, quantomeno in senso figurato.

Sì, perchè dopo un inizio a chitarre distorte molto “Nineties” con How Are You, Just a Dream, Micah “torna a casa” con On the Way Home (To Abilene), dove il nostro ritrova il suo marchio di fabbrica: quel country-folk condito dalla sua voce da crooner d’altri tempi che non può che emozionare sin dal primo ascolto. Così come alla centesima ripetizione.

The One to Save You Now, uno dei miei pezzi preferiti di questo disco, è un’altra full immersion negli States, così come la splendida God Is Good (con richiami gospel)o come il country melanconico di The Same Old Shit.

Micah mostra di saper dare tanto anche quando abbassa del tutto i ritmi, escludendo quasi la musica e invadendoci solo con la sua voce: A Million Light Year e I Ain’t Movin’ (canzone esplicativa del dramma passato dal cantante) sono due pezzi toccanti e profondi che mostrano le sue grandi doti.

Con questo nuovo disco Hinson rimarca ancora una volta tutte le sue qualità. Un artista che, a prescindere dai gusti personali, è capace da sempre di produrre musica al di fuori del tempo, come solo i grandi autori sono in grado di fare.

Lasciatevi trasportare dalle note di Micah P. Hinson and the Nothing e mi raccomando, non correte troppo in macchina.

Annunci

6 pensieri su “Micah P. Hinson – …and the Nothing

  1. Pingback: Will Stratton – Grey Lodge Wisdom | Indie Sunset in Rome

  2. Pingback: Micah P. Hinson @Circolo degli Artisti (Roma) – 16/05/2014 | Indie Sunset in Rome

  3. Pingback: Buriers – Four Songs EP | Indie Sunset in Rome

  4. Pingback: Gli Amici di TRISTE© – Le Top 5 dei nostri collaboratori | Indie Sunset in Rome

  5. Pingback: TristeRoma – Top10 2014 | Indie Sunset in Rome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...