Phantom Handshakes – No More Summer Songs

Francesco Amoroso  per TRISTE©

“Finally I saw that worrying had come to nothing.
And gave it up. And took my old body
and went out into the morning,
and sang.”
(Mary Oliver – I Worried)

Snoopy, questa volta nei panni di “Bracchetto scout”, si è perso durante un’escursione e viene salvato da Loretta, una buffa girl scout che vende biscotti (“Ottimi Biscotti!“). Finalmente di nuovo sdraiato sul tetto della sua cuccia, è redarguito da Charlie Brown che gli dice: “Come hai fatto a perderti se avevi la bussola? Non sapevi che quella enne vuol dire Nord?“. “Pensavo volesse dire “Nessun Posto”” replica desolato Snoopy.
Suppongo che, in originale, il “nessun posto” fosse un semplice (e più efficace) “Nowhere”.

Rileggendo in questi giorni (pubblicate sul Post) queste strisce, sono rimasto colpito dalla loro involontaria attualità. Non è difficile immaginarci nei panni di Snoopy, persi da qualche parte e convinti che la bussola riesca solo a indicarci “Nessun posto”, un non luogo che, anche qualora riuscissimo a raggiungerlo, probabilmente ci farebbe sentire ancora più persi di prima.

Continua a leggere

Iceage – Seek Shelter

Emanuele Chiti per TRISTE©

Colpi di fulmine e dischi della maturità. Mi vengono in mente questi due “concetti” se penso a Seek Shelter degli Iceage.

Colpi di fulmine: una settimana prima che Seek Shelter fosse pubblicato, erroneamente vidi il disco già caricato sulle benedette piattaforme streaming che allietano i miei viaggi in macchina verso il lavoro o casa o varie ed eventuali (variabili spesso molto migliori rispetto al lavoro o a casa). Parte la title track e quasi non volevo credere alle mie orecchie. Non esagero: più passavano i secondi di Shelter Song e più ero felice, cioè sorridevo letteralmente.

Continua a leggere

Momus – Athenian

Francesco Amoroso  per TRISTE©

Da dove si comincia quando si vuole parlare di un artista che è in giro da 35 anni e che ha all’attivo almeno 35 album? Di uno che, nella sua carriera, ha pubblicato due raccolte dei propri testi, intitolandole rispettivamente Lusts Of A Moron (concupiscenze di un deficiente) e Famous For Fifteen People, che ha pubblicato un libro di memorie dal titolo Niche, a memoir in Pastiche e numerosi altri romanzi e saggi? Di uno che è stato citato in giudizio dalla pioniera dell’elettronica Wendy Carlos e dalla multinazionale Michelin (in entrambi i casi per dei testi ritenuti offensivi)?

Si rischia di scrivere una monografia infinita e, comunque, lacunosa, oppure di parlare con superficialità di un personaggio così sfaccettato e incredibilmente profondo.
Tuttavia, la recentissima uscita di Athenian, l’ennesimo lavoro dell’artista inglese Nick Currie (in arte Momus), è un’occasione troppo ghiotta perché possa lasciarmela sfuggire.

Continua a leggere

The Coral – Coral Island

Francesco Giordani per TRISTE©

Diciamocelo con tutta franchezza. In tempi come questi, sono spesso belle, anzi bellissime, anche le cose che non ci sorprendono. Proprio perché non ci sorprendono, aggiungo subito, perché non cambiano, restano come le ricordavamo, esattamente nel posto in cui le avevamo lasciate.

E se mi è sinceramente difficile raccontarvi la gioia tutta personale provata nel ritrovarmi in un cinema a guardare la solita dolceamara, prevedibile, del tutto pleonastica e dunque anche indispensabile commedia di Woody Allen, più facile mi è condividere la felicità di sapere i Coral, dopo venti anni esatti dal singolo d’esordio, ancora vivi, ancora fecondi e, cosa che più conta, ancora capaci di scrivere una delle opere più belle e pittoresche della loro intera discografia.

Continua a leggere

Will Stratton – The Changing Wilderness

Francesco Amoroso  per TRISTE©

If you listen closer than you ever have before
With renewed attention, the kind hard to ignore
In between the signal and the gulf of present noise
Maybe there’s a sign, maybe there’s a sign
Maybe there’s a sign we can’t avoid

Mi domando spesso quale sia il senso del mio attuale rapporto con la musica, quando questo rapporto – che ho con lei da almeno 35 anni (ma, probabilmente, in maniera meno cosciente, da tutta la vita, visto che ho ricordi vividi che coinvolgono la musica che risalgono alla mia primissima infanzia) – sia cambiato e come sia cambiato.

Con tutta la musica nuova che ascolto ogni giorno, come posso ancora godermela? Come posso creare con le uscite attuali lo stesso legame che ho con quelle del mio passato, più o meno recente, quando i “dischi” di allora li ascoltavo centinaia di volte, approfondendone ogni aspetto, conoscendo vita (morte, qualche volta) e miracoli degli artisti che la suonavano, mentre gli album attuali mi accompagnano spesso per pochi giorni, qualche mese al massimo, e spesso li ascolto distrattamente, sommersi dai suoni e dai rumori della quotidianità?

Continua a leggere