Parquet Courts – Sunbathing Animal

Questa  è una recensione che arriva in ritardo. Non è stata una cosa voluta, ma un po’ una  conseguenza del periodo impegnativo in cui mi sono ritrovato ultimamente. Non preoccupatevi, non ci saranno derive “passive-aggressive” piuttosto riflessioni sulla “serendipity” che se non sapete cos’è proverò a spiegarvelo in qualche modo. Ah, perdonate gli inglesismi, ma serendipità proprio non si può sentire.

L’esatto opposto di Sunbathing Animal, un disco piacevole, preciso, psichedelico e in qualche modo sorprendente per i sempre-più-amati Parquet Courts. Che andrò a vedere mercoledì prossimo a Londra e qualche giorno dopo a Glastonbury. In your face!

WYR0514tubejktnoguidlines

Serendipity è, per esempio, sdraiarsi a prendere il sole, mettere in cuffia il nuovo disco dei PC e scoprire di essere davanti a qualcosa di meraviglioso. Non che non me l’aspettassi, ma se devo essere sincero, non avrei mai pensato di ritrovarmi alle prese con un disco che prende a piene mani da repertori veramente distanti fra loro: si va da Buddy Holly ai Pavement, ai Grateful Dead, dai nostranissimi (nostrati? ahahaha) Jennifer Gentle, Silver Jews e soprattutto Black Lips (una delle band più divertente che possiate mai vedere dal vivo).

Il suono è talmente psichedelico che forse solo Sunbathing Animal riesce a trovare quella ruvidità che li ha fatti conoscere al mondo, quell’urgenza tanto peculiare della cultura punk. Pezzo fantastico.

D’altro canto, come il precedente Light Up Gold, i pezzi degni di nota sono tanti: Bodies che dà il benvenuto, Black and White con quel suono veramente alla Jennifer Gentle, Dear Ramona che sembra cantata da Stephen diointerra Malkmus, fino all’intermezzo Up All Night che ricorda gli Strokes alle prime armi.

Tutto si chiude con Into The Garden che mi ricorda tanto i Silver Jews ed uno dei miei più grandi rimpianti: non essere andato a vederli ad Umbertide nel 2006.

Forse a volte è meglio fare le cose senza pensarci troppo, fare quello che ci piace fare, ritrovarsi inconsapevolmente soddisfatti e realizzati.

Voto 8. Serendipità.

Annunci

4 thoughts on “Parquet Courts – Sunbathing Animal

  1. Pingback: Parkay Quarts – Content Nausea | Indie Sunset in Rome

  2. Pingback: TristeRoma – Top10 2014 | Indie Sunset in Rome

  3. Pingback: Viet Cong – Viet Cong | Indie Sunset in Rome

  4. Pingback: Parquet Courts @Monk Club – Roma, 17/09/2015 | Indie Sunset in Rome

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...