Nick Drake – Heaven In A Wild Flower

Francesco Amoroso per TRISTE©

Credo fosse un pomeriggio di sabato, nell’inverno del 1976.

Mio padre, come abitudine, dopo un riposo postprandiale, si era svegliato e sorbiva nel letto il suo caffè. Faceva freddo. Mi infilai veloce sotto le coperte, dopo essermi, naturalmente, tolto le scarpe. Accendemmo il piccolo televisore grigio, l’unico che c’era in casa (in rigoroso bianco e nero), appoggiato allo sgabello a fianco del lettone. Appena l’apparecchio si fu scaldato, apparve l’immagine di Cino Tortorella (non più nei panni del Mago Zurlì) e cominciammo a guardare lo Zecchino d’Oro.

Sarà stata la persiana abbassata, la sola luce fioca proveniente dal televisore, il tepore del letto e la totale mancanza di un motivetto che potesse essere ricordato, ma ben presto fui preso dal torpore e credo che finii per addormentarmi nel lettone dei miei genitori.

Continua a leggere

Annunci

Girlpool – Powerplant

Giacomo Mazzilli per TRISTE©

Chissà se mai Wayne Coyne si ricorderà della serata in cui mi salvò la vita.

A Milano all’Alcatraz, uno dei concerti più belli che abbia mai visto: un elogio alla follia ed alla felicità, a concentrarsi a fondo sul non prendersi seriamente, ad aprire le braccia alla vita, alla follia, alla spontaneità senza limiti. A riconoscere l’amore: Do You Realize? Continua a leggere

Raoul Vignal – The Silver Veil

Francesco Amoroso per TRISTE©

Vorrei prevenire ogni vostro possibile dubbio, ogni vostra lamentela: lo so anche io che non si scrivono recensioni in un momento di rabbia, né sull’onda dell’indignazione. Non l’ho mai fatto, ma spesso ne ho avuto la tentazione.

Questa volta, però, facendo mio l’arcinoto adagio di O. Wilde, secondo il quale si può resistere a tutto ma non alle tentazioni, mi lascio andare.

E’ da qualche settimana che in rete si parla del giovane francese Raoul Vignal. E se ne parla piuttosto bene. All’Attimo Fuggente uno dei suoi brani l’abbiamo scelto come singolo della settimana e le recensioni che si trovano in giro sono tutte piuttosto positive.

Qual è il problema allora, direte voi?

Continua a leggere

Ryley Walker – Golden Sings That Have Been Sung

Ryley-Walker-GSTHBS-Cover-980x980Certe cose ci portano altrove. A me succede ogni qualvolta ho un colpo di fulmine per un nuovo disco, un nuovo artista; succede ogni volta che prendo un taxi a Roma.

Lo scopro in un caldissimo pomeriggio di Agosto, uno di quelli in cui l’aridità della terra e la prepotenza del maestrale hanno giocato un ruolo fondamentale nel trasformare in barbecue 3300 ettari di vegetazione provenzale.

Ieri mi sono addormentato col “profumo” di pino bruciato e gli occhi pieni di fumo.

Continua a leggere

Will Stratton – Grey Lodge Wisdom

Mi avvio ad un periodo veramente stressante di lavoro. Quanto questo sia dovuto al mio rimandare le cose o al fatto di non poter anticipare gli imprevisti, è una valutazione complicata che forse è meglio non fare. Diciamo che non imparo molto dal passato…

Proprio per questo necessito di trovare un po’ di relax nelle pause. La musica aiuta sempre in questi casi ed il nuovo disco di Will Stratton è un ottimo modo per fermarsi a rifiatare.

WillStratton_GreyLodgeWisdom Continua a leggere

Laura Marling – Once I Was an Eagle – 2013

Laura Marling, o forse dovrei dire la Baronessa, è la dimostrazione che l’emancipazione femminile nella musica leggera non esiste.

Considerata da molti l’erede naturale di Joni Mitchell – cosa che dovrebbe rendere orgogliosa anche la seconda – si presenta in questa primavera 2013 con un album che sembra volere chiudere (o semplicemente riaprire) quella parentesi che Nick Drake aprì al mondo circa 40 anni fa con Pink Moon.

Laura-Marling-Once-I-Was-An-Eagle

Continua a leggere