Frankie Cosmos – Next Thing

Sara Timpanaro per TRISTE©

Viviamo in un epoca sempre più compromessa da sostanze tossiche: il fumo di sigaretta per esempio, o lo smog. Ma per alcuni anche il sentimento più nobile può avere effetti tossici: l’amore.

Greta Kline, classe 1994 originaria di New York, conosciuta come Frankie Cosmos descrive apertamente, nel suo secondo lavoro, le gioie e sopratutto i dolori che tale sentimento a volte include.

FrankieCosmos_NextThing Continua a leggere

Sin Ropas – Mirror Bride

Peppe Trotta per TRISTE©

Ho sempre avuto una certa inclinazione per le sensazioni agrodolci e per ciò che le veicola. È  un ingrediente costante in tutto ciò che mi attira e che spesso mi conquista.

Nulla che abbia a che fare con la tristezza cronica, con la depressione, ma soltanto quella sensazione in bilico tra possibilità divergenti. Venature dal sapore agrodolce di certo non mancano in Mirror Bride, disco che sancisce il ritorno alle scene dei Sin Ropas della coppia (artistica quanto nella vita) Tim Hurley e Danni Iosello, dopo quasi sei anni di assenza.

SinRopas Continua a leggere

Julia Brown – An Abundance of Strawberries

Forse è finalmente finito uno dei periodi più intensi (lavorativamente parlando) della mia vita. Ovviamente basteranno pochi giorni per trovare nuovi motivi di stress e disperazione (così, perchè mi piace essere una persona positiva e solare).

Quando sono veramente incasinato, a volte mi capita di lasciarmi trasportare dai ricordi, da quell’idea che l’infanzia fosse un periodo spensierato e gioioso che ora non c’è più (che poi chi se la ricorda davvero l’infazia?).

Insomma, come per i Beatles, le fragole della nostalgia.

JuliaBrown_AnAbundanceOfStrawberries Continua a leggere

Hinds – Leave Me Alone

Già di per sé, uno che mi dice Leave me alone me la fa prendere bene. Sarà che sono il più socievole dei solitari, o il più solitario degli estroversi, ma mi capita a volte di dirlo. O forse sono solo circondato da persone invadenti. Ah Ah.

Indipendentemente dal vostro punto di vista, ci sono casi in cui vale la pena mettersi in disparte, prendere il tempo di riflettere, di prendere la rincorsa. In un’epoca soffocata dalla velocità a tutti i costi, sembra quasi un atto rivoluzionario ascoltare un disco, leggere un libro, godersi un bicchiere di Braulio.

Lo so che quelli della mia generazione bevono il Montenegro, ma non è questo il punto né il momento… Leave me alone!

Leave-Me-Alone-575x575 Continua a leggere

Stanley Brinks and The Wave Pictures – My Ass

Viaggiare è una delle cose che più mi danno soddisfazione. No. Mangiare è una delle cose che più mi danno soddisfazione. Ma le due cose sono per me spesso legate: per fare un esempio, già molto prima di “sta-cosa-del-km-0” col co-founder (figo eh dire co-founder?) di TRISTE© andavamo fino a Vinca per prendere del pane che in verità avremmo potuto comprare all’alimentari sotto casa solo per il gusto di andarlo a prendere proprio là dove lo facevano (con annessi grandi insulti da parte degli amici).

Per non parlare delle colazioni con gli amor del caffè degli svizzeri o delle pie dell’Old John Stock a Birmigham. O meglio ancora il giro in taxi per tutta Liverpool per trovare un posto dove facessero lo scouse quando ormai le cucine erano quasi tutte chiuse.

StanleyBrinksTheWavePictures_MyAss Continua a leggere

Parquet Courts @Monk Club – Roma, 17/09/2015

Vorrei poter dire “come quando ero giovane”. Ma mentirei. Come già vi dissi, “quando ero giovane” non amavo molto certe sonorità.

Ma c’è sempre tempo per ravvedersi. E per fortuna c’è chi, anche ad anni di distanza, tali sonorità le fa rivivere con rinnovato vigore.

Al Monk Club di Roma sono arrivati i Parquet Courts. C’eravamo anche noi.

ParquetCourts_Monk Continua a leggere

Lou Barlow – Brace The Wave

Peppe Trotta per TRISTE©

Hanno chiuso la libreria più vicina a casa mia e adesso mi tocca fare un po’ di strada per giungere in un posto dove trovare abbondanza di titoli. È condizione fondamentale per me quella della grande possibilità di scelta, in quanto non sempre arrivo munito di lista o intenzioni di acquisto.

Spesso invece entro e semplicemente mi perdo tra gli scaffali alla ricerca di qualcosa che possa attrarmi. Capita a volte di rimanere confuso e non sapere che cosa fare e ogni qual volta succede finisco per tornare su qualche autore che conosco bene e che per me in qualche modo rappresenta una certezza. Perdo il gusto della scoperta ma difficilmente resto deluso.

Così come non mi ha deluso Brace The Wave.

LouBarlow_BraceTheWave Continua a leggere