Hannah Scott + Chelsea Bridge @Unplugged In Monti @Black Market – Roma, 25-09-2014

A volte succedono cose strane….com’era la storia della farfalla che sbatte le ali dall’altra parte del mondo e ti ritrovi una raccomandata dell’Acea per avvertire che ti verrà tagliata la luce per non aver pagato una bolletta che hai pagato? Beh, quella storia lì insomma.

E così una volta succede che su un blog italiano viene fatta una recensione (dalla metà londinese) e una bravissima (ma poco conosciuta) artista neo-zelandese si trasferisce prima a Londra e si ritrova poi a Roma ad aprire il concerto di Hannah Scott.

Nuova serata per Unplugged in Monti. Ad aprire la giovane artista inglese c’è Chelsea Bridge, e noi siamo molto contenti.

ChelseaBrigde_UIM Continua a leggere

Tiny Ruins @Unplugged in Monti @Black Market – Roma, 18-09-2014

Marica Notte per TRISTE©

Sono ritornata da poco a Roma. Per un lungo periodo sono stata in una terra a non molti chilometri di distanza, anche se una volta arrivati lì, Roma sembra lontanissima. Certo non lontano come la Nuova Zelanda, che per arrivarci non basta più un treno, non basta nemmeno prendere un solo aereo.

E la Nuova Zelanda è il paese di provenienza della band che ieri sera ha aperto ufficialmente la quarta stagione della mai troppo elogiata rassegna Unplugged in Monti: Tiny Ruins.

Una piccola nota di sincerità: non avevo mai ascoltato nulla di questa band, prima di ieri sera.. ma oggi, a distanza di poche ore, posso dire che sarà ufficialmente nelle mie personal playlists.

tinyruins_uim Continua a leggere

The Districts + Blaenavon @The Lexington – London

L’ultima volta che mi sono ritrovato a pensare: “ma vado a quel concerto per la band che apre o per gli headliners?” era un po’ di tempo fa. Primavera 2010, una giornata splendida: ci eravamo riuniti a Londra io, la parte romana e due nostri grandissimi amici. TRISTE non esisteva ancora ed eravamo persone felici. Ah-Ah.

Eravamo felici per via di un concerto, quello dei Pavement (mamma mia che pezzo, finirò col riascoltare tutti i loro album nelle prossime settimane) alla Brixton Academy e ad aprire c’erano i bravissimi Broken Social Scene (si, l’hanno suonata questa). Devo aggiungere altro?

photo 1 Continua a leggere

Conor Oberst + Dawes @Mojotic Festival @Teatro Arena Conchiglia – Sestri Levante, 19/08/2014

L’Estate è nella sua coda finale. Il sapore un po’ amaro delle vacanze che finiscono. Del dover salutare il mare. Il mare di casa. Un po’ come dover salutare alla stazione chi parte e invece vorreste avere ancora vicino. E poi succede che un treno non ci sia più (o ritardi così tanto da dover rimandare tutto. Grazie Trenitalia, questa volta davvero) e allora puoi ritagliarti ancora un po’ di tempo per non pensare al lavoro e agli impegni.

E allo stesso modo questo finale di Estate è capace di darti ancora molto. Non a sorpresa come Trenitalia. Ma comunque una grande gioia. Per l’ultima data del sempre più “importante” Mojotic Festival, nella sempre bellissima Sestri Levante, arriva per la sua unica data italiana Mr. Bright Eyes, Conor Oberst, in tour per il suo nuovo disco solista.

ConorOberst_Mojotic_1 Continua a leggere

Neutral Milk Hotel @The Forum – London

Ho sognato spesso l’America. É stata colpa di Hemingway e di Kerouac, ma piú verosimilmente, di Michael J. Fox e Fonzie. Degli americani ho sempre apprezzato l’attitudine, il loro prendersi poco sul serio e il loro mettersi in discussione. Il loro senso etico stupidamente preso in giro da alcuni italiani (pure molti diciamolo).

Quel senso etico e morale che li porta a fare cose tipo ritirarsi dalla politica in caso di scandali sessuali, o li porta a dover abbandonare un business gigantesco a causa di uscite razziste in privato, o magari a girare il mondo tipo homeless per ricercare un po’ di pace interiore. Non ho né tempo né voglia di correrarli alla situazione italiana.

Quello che invece conta, é il tempo: quello che ha rovinato ad alcuni di voi il ferragosto, quello – stretto – che é passato fra l’annullamento del Jabberwocky Festival e l’organizzazione di un live dei Neutral Milk Hotel, quello – lungo – che, in passato, mi é servito per apprezzarli fino in fondo. Eh si, come avrei potuto apprezzare cose tipo: ” can’t believe how strange it is to be anything at all” a 15 anni? Nel ’98 le mie prioritá erano ben altre, tipo limonare e girare col mio Booster.

Neutral milk hotel Continua a leggere

Belle and Sebastian @acieloaperto @Rocca Malatestiana – Cesena, 8/8/2014

Sono in “ferie” da pochi giorni (come se ci andassi davvero in ferie….). Sono tornato a casa. Sono al mare. Dovrei (dovrei…) essere abbastanza rilassato. E allora perchè non alzare il telefono e dire a due amici se hanno voglia di farsi 300 km in macchina sotto il Sole in un Venerdì da bollino nero per il traffico?

Beh, io l’ho fatto. E ho trovato pure chi mi ha detto di sì. Il motivo è un evento per cui i 300 km (+ i 300 del ritorno…) non possono essere una giustificazione per mancare: tornano in Italia i Belle and Sebastian e lo fanno nella splendida cornice della Rocca Malatestiana di Cesena per l’ottima rassegna acieloaperto. Tutti in macchina, si parte.

BelleAndSebastian_Cesena4 Continua a leggere

Allo Darlin @the Lexington, London – 23/07/2014

Il bassista degli Allo Darlin è il mio nuovo idolo. Come potrebbe non esserlo quando, con la sua band (che dovrebbe prevedere due persone ma ieri era in “solo”) Moustache of Insanity, introduce l’ultima canzone con un: “this is a song” seguito da una risata incredibile. Ah-Ah.

Ho iniziato con un aneddoto divertente (almeno per me buahah), ma avrei potuto iniziare parlando del Lexington pub, luogo culto per gli amanti della musica indie che tutte le settimane oltre a live incredibili, ospita ogni lunedì il Pub Quiz della Rough Trade (ecco il prossimo se foste interessati). Per me è stata incredibilmente la prima volta, dato che non sono famoso per la mia puntualità ed essere puntuali quando escono i biglietti dei live qui, è fondamentale.

La sala è piccola, ma splendida, tiene più o meno 150-200 persone al massimo, ed il suono è spettacolare. Davvero. La sera prima ero ad un altro concerto, in un posto ben più grande ed il suono è stato senza dubbio il motivo per cui non saprete mai chi suonava. Allo Darlin Lexington Continua a leggere