The Tallest Man on Earth – Dark Bird Is Home

Qualche giorno fa è morto BB King. Mi ricordo quando lo vidi a Glastonbury qualche anno fa. Devo dire che anche se non sono mai stato un fanatico di blues, l’ho sempre apprezzato, così come ho sempre apprezzato il repertorio del Re, senza averlo mai particolarmente approfondito.

Di certo, averlo potuto vedere dal vivo, è una grande fortuna e come in tanti altri casi, un modo per capire meglio la statura dell’artista. Ad 80 anni suonati, fare una session da un’ora scarsa di blues da brividi, note che andavano dritte all’anima. Una passione incredibile, come quella che qualche anno dopo riuscì a rivelare Jens Kristian Mattson in arte The Tallest Man on Earth, al Forum di Kentish Town, Londra.

TTMOE - dark bird is home Continua a leggere

Cosmo Sheldrake – Pelicans We

Una volta sono andato a mangiare dentro alla torre dell’orologio di King’s Cross. Quel meraviglioso edificio che è stato usato anche durante le riprese della famosissima saga di Harry Potter. Io non ho visto nessuno dei film che la compongono, ma dicono sia molto bella.

Come al solito l’ho presa larga, parlo di quella cena perché quella sera ho conosciuto un mio amico, è uno chef portoghese di alto livello. Parlammo tantissimo e mi ricordo ancora quando mi spiegò dell’uso che si fa nella cucina creativa della maltodestrina. Non serve andare su wikipedia, vi dico solo che per farla breve, viene usata molto perché se mischiata a grassi riesce ad assorbirli ed a mantenere il proprio stato in polvere. É una cosa fighissima, ancora mi ricordo la polvere all’horseradish che me la fece scoprire.

Cosmo Sheldrake - Pelicans WE

Continua a leggere

Robyn Sherwell – Islander EP

Per chi non lo sapesse, la Guernsey è una piccola isola che si trova tra Francia ed Inghilterra, nel canale della manica. Una delle famose Channel Islands, quelle isole praticamente attaccate alla costa di un altro paese (in questo caso la Francia) che fanno però parte del Regno di sua Maestà. Un po’ come le Malvinas.

Anyway, le Channel islands sono soprattutto famose per i paesaggi naturali ed il latte pregiato che viene prodotto da quelle parti. Almeno fino ad oggi.

robyn sherwell

Continua a leggere

Sufjan Stevens – Carrie & Lowell

Cominciare una nuova vita può significare molte cose. Svegliarsi alle 7 del mattino per andare a comprare croissants, pains au chocolat e brioches au sucre, potrebbe non essere un inconveniente, tutto sommato. Non, come ad esempio, trovarsi nel mezzo della strada a chiedersi dove si trovi il Boots più vicino, dove sia il posto più carino dove fare il brunch, l’afternoon tea. Capire dove servano le migliori ales.

I should have known better, nothing can be changed, the past is still the past, the bridge to nowhere“.

E mi risveglio a Lourmarin, nella dolce valle del Luberon, direzione Marsiglia. Nelle orecchie il nuovo album di Sufjan Stevens, senza dubbio uno dei più grandi artisti della sua generazione. Cito un Tumblr che ha colto nel segno creando il motto: “between hipsters and god there is Sufjan Stevens“.

dbfa1978

Continua a leggere

Gruff Rhys @KOKO 12/02/2015

This song is based on a true story which would be fine if it wasn’t autobiographical.

La mia canzone preferita dei Super Furry Animals parte cosi, lasciando spazio ad una delle interpretazioni migliori del concetto di “affrontare i problemi in modo maturo”. Fra l’altro il video è stato girato da Richard Ayoade, un regista che stimo a dismisura dai tempi di Submarine. Si, quello con la colonna sonora più bella dell’ultimo decennio.

Gruff Rhys è una persona che raramente si e’ presa sul serio, a partire dal nome che diede al primo progetto della sua carriera: gli Animali Super Pelosi. Una band che ha sempre fatto di testi sghembi, armonie inusuali e interpretazioni personalissime il proprio marchio di fabbrica. Ed è per questo che ieri sera non mi aspettavo un concerto normale, prevedibile.

Photo 11-02-2015 22 02 33 Continua a leggere

Natalie Prass – Natalie Prass

My Baby Don’t Understand Me.

Vi avevo mai detto qual’é la cosa che in un batter di ciglio mi fa alzare dalla sedia e gridare al miracolo? Sono i fiati nei pezzi pop. Quelli che ad esempio amava usare Arthur Lee, genio indiscusso del pop psichedelico.

Sara’ il fatto che non sto facendo niente oggi al lavoro o sara’ il fatto che ormai mi dividono due o tre settimane dal trasferirmi nel sud della francia, a me questo disco di Natalie Prass piace da matti.

ntalie prass

Continua a leggere