Matt Maltese – Bad Contestant

Francesco Amoroso per TRISTE©.

Le riviste musicali inglesi (sia quelle cartacee tradizionali che quelle più moderne e dinamiche on-line) hanno una vera e propria mania: il tentativo di creare ovunque scene e nuovi sottogeneri musicali.

Continua a leggere

Annunci

Hanging Valleys – Fortaleza

Vieri Giuliano Santucci per TRISTE©

Le sere estive sembrano non finire mai. Soprattutto quelle infrasettimanali.

E se da un lato è un bene perchè la voglia di fare cose aumenta, dall’altro, quando non c’è molto da fare, si è sommersi in questo limbo strano di calore e languore.

Forse anche a causa dello stress delle cose accumulate che non fa che aumentare la mia acidità di stomaco.

Continua a leggere

Dream Wife – Dream Wife

Giacomo Mazzilli di TRISTE©.

Ho davanti a me una donna sulla cinquantina. Capelli ricci, taglio corto. Una di quelle Parigine che non riescono ad aprire la bocca per parlare. Una di quelle persone a cui bisogna estirpare i suoni dalle corde vocali. Mi accorgo di essere italiano per la vita.

Mentre mi descrive le necessità della sua passione – credo sia la decorazione d’interni, penso ad un pomeriggio di inizio maggio. Avevo la tuta dell’adidas bicolore, una passione per Laura e uno scooter da guidare. Insomma, le necessità di un adolescente completamente osservate. Soplanala. Continua a leggere

Inside Out – Rosie Caldecott

Tania Moretta per TRISTE©

Le stagioni non arrivano mai improvvisamente, c’è sempre una coda di quella precedente ad annunciare l’inizio di temperature differenti.

In questo modo l’autunno sembra insediarsi lentamente negli animi del nuovo inizio: c’è chi riprende il solito lavoro, chi combatte con concorsi e trasferimenti, chi è in ansia per gli esami e chi in questi giorni deve superare i test universitari.

All’interno di tale tran tran viene a definirsi una linea comune, l’intimità! Dai colori caldi, dal cielo triste e romantico al contempo, l’autunno è una stagione intima! Intima per le nostre scelte, i nostri pensieri, i cambiamenti e la forza che a volte manca nell’intraprendere strade più o meno conosciute.

C’è chi dice che bisogna sentirsi soli per procacciare la forza dagli eventi, io mi sento un po’ sola, intima e spero sopraggiunga la forza.

RosieCaldecott_InsideOut Continua a leggere

East India Youth – Culture of Volume

Si dice che il talento sia una dote naturale, difficile da riconoscere. Per quel che mi riguarda, conosco un solo modo per riconoscerlo, osservandolo dal vivo.

Lo dico pensando al Field Day 2012, quello in cui un’artista di primo pelo venne messo in una delle prime slot delle 12 salvo poi essere richiamato in fretta a furia per una seconda chance alle 16 in un palco più grande. Merito della performance incredibile regalata qualche ora prima.

Oggi, mentre combatto la mia dipendenza dal tè verde – sto sorseggiando la terza tazza della mattinata – vorrei spendere due parole a proposito di East India Youth, uno dei miei artisti contemporanei preferiti che è appena giunto al favoloso traguardo del secondo disco. Dico favoloso perché di questi tempi riuscire a dare un seguito a un buon esordio è privilegio di pochi.

EastIndiaYouth_CultureOfVolume Continua a leggere

This Is The Kit – Bashed Out

Peppe Trotta per TRISTE©

L’unione fa la forza. A chi non è mai stata detta questa frase? Il concetto di sinergia, di collaborazione che facilità e migliora il lavoro è qualcosa di ricorrente nella mia vita. Negli ultimi anni è diventato quasi un obbligo nella mia professione e ogni volta che devo avvalermi delle competenze di qualcuno mi si rinnova la coscienza di quanto possa essere fruttuosa una collaborazione quando è valida.

Stavolta però ci ho ripensato ascoltando Bashed Out di This Is The Kit.

ThisIsTheKit_BashedOut Continua a leggere

Fear Of Men + Flowers @ Concrete – London – 02/10/2014

La realtá é che il concerto dei Fear Of Men é iniziato martedí scorso quando, stupidamente, mi sono presentato alla porta del Concrete, salvo poi realizzare che era chiusa. Dovevo leggere meglio e comprendere che era Thursday la parola scritta vicino alla data del concerto, non Tuesday come credevo.

Poco male, due giorni di preavviso mi sono serviti a rispolverare il mio amore per Loom e due ore di serata a scoprire quello nuovo verso Jess Weiss.

La mia Vespa mi porta a Shoreditch in tempo per trovare spazio fra le prime file del Concrete, uno spazio che più underground non si può: è un basement dal soffitto basso, tubi a vista, tutto cemento (ma dai?!?), ma concepito splendidamente. Minimal-chic. Servono Averna, Cynar e birra Moretti. Sarà una grande serata.

IMG_3085 Continua a leggere