TristeLondra – Top10 2014

Il 2014 é stato un anno particolare per me: ho cambiato lavoro, ho deciso di cambiare vita e ho deciso di andare a vedere live Michael Buble. Stasera.

Sono tutte cose che potrei facilmente descrivere come scelte di cuore. Soprattutto l’ultima, non perche’ sia affetto da qualche sindrome particolare, quantopiú sensible al fatto che la mia ragazza e mio suocero mi farebbero nero se non andassi con loro a vedere lo show del canadese.

Canadese come una band che mi ha particolarmente attratto quest’anno; si chiamano ALVVAYS – li chiamai ALLVAYS nella prima stesura del post sul loro nuovo album, una band che ho visto pure live ad aprire i Real Estate e che mi ha impressionato non poco. Canadese come Caribou, quello del disco di elettronica dell’anno.

TristeLondra Best of 2014

Continua a leggere

Un Pomeriggio TRISTE© – Canzoni per la pioggia e per guardare fuori dalla finestra

Acqua ne è caduta tanta. E ancora questo Marzo sembra volerci accompagnare con un po’ di perturbazioni. Ma a prescindere dalla pioggia, a volte è rilassante passare il pomeriggio in casa e lasciar scorrere il tempo osservando il mondo al di fuori dei vetri (soprattutto se la vista non è il palazzone di fronte al vostro).

Per tutto questo e per molto altro, se avete bisogno di un sottofondo musicale, ci pensiamo noi.

pomtriste Continua a leggere

Angel Olsen – Burn Your Fire For No Witness

Angel Olsen fa pace con il mondo. Lo fa nella prima canzone Unfucktheworld. Una dichiarazione lontana dal nome e dalla figura soave della cantante statunitense.

E sono proprio i titoli delle 11 canzoni a svelare il sentimento generale dell’album, una sorta di perdono generale che pero’ assume i tratti del “canto del cigno” quando si intendono le prime parole di Angel: “I quit my dreaming the moment I found You” e ancora “I wanna nothing but for this to be the end, for this to be a tired and empty end”.

Angel-Olsen-Burn-Your-Fire-For-No-Witness

Continua a leggere